Nicole in radio con il singolo “Occhi giudici”

videoclip: https://www.youtube.com/watch?v=7iciZ6N90iw

Nicole nasce a Trieste, l’11 aprile 1990.

La passione per la musica ce l’ha fin da quando ha memoria, da piccola si divertiva ad imitare i grandi della musica davanti alla tv o a cantare canzoni inventate al momento. Studia canto e fa teatro da circa 10 anni, anche se in maniera non continuativa. Ha ripreso da poco le sue attività artistiche dopo 4 anni di “pausa” a  causa di un brutto incidente autostradale, che l aveva provata fisicamente ed emotivamente e che l’ aveva costretta a mettere da parte la sua passione.

Più il tempo passava e più si accorgeva che senza musica non era la stessa persona, era spenta, triste e vuota. La musica l’ ha aiutata in tanti momenti difficili, soprattutto in quelli in cui tutto sembra impossibile. Dopo l’incidente ha iniziato a trascrivere tutte le sue emozioni sulla carta, trasformandole in canzoni, cosa che prima ha sempre avuto paura di fare.

“Occhi giudici” nasce dall’esigenza di lasciare andare un ricordo e un’emozione legata ad un ricordo. È un messaggio per tutti quelli che l’hanno ferita, lasciandole cicatrici, e che l’hanno sempre giudicata, e dice di guardarla bene ora perché è cambiata, è forte e nessuno riuscirà a spezzarla più.

Con questo singolo vuole dire che l’importante è credere in quello che sentiamo, in quello che abbiamo dentro e che siamo, perché se ci crediamo noi anche gli altri lo faranno. Trovare delle persone che credono nella tua passione e nel tuo talento è fondamentale, Nicole ha sempre avuto il sostegno dei genitori, amici e parenti. Fondamentale è stato l’aiuto di un sponsor in particolare, Elisabetta Franza, che ascoltando la passione di Nicole ha voluto credere in lei, sostenerla ed aiutarla con il suo sogno. “Mi sveglio e il mio primo pensiero va alla musica, voglio vivere di musica, perché la musica è quello che sono”

https://www.facebook.com/Nicole-148579902012641/

https://www.instagram.com/nikkiperox

Nicole in radio con il singolo “Occhi giudici”